Cosa cerchi?

giovedì 19 febbraio 2009

212 - MI RACCOMANDO

Se non hai un impiego non è colpa della crisi. 
Il colpevole sei solo tu.
Quanti anni hai? Venti? Trenta? Quaranta? E quanti ne hai investiti per meritarti l’unica garanzia che ti occorre per essere assunto?

Idiota. Non parlo della laurea. No, neanche dell’apprendistato. Specializzazione?!? Lo vedi che sei completamente fuori strada? Parlo di un amico come si deve. Uno che conti qualcosa nel settore che hai deciso di distruggere dall’interno con la tua impeccabile professionalità appena comprata.

Ripensa al tizio che ti ha fatto le avances e che hai rifiutato: dov’è ora? Esatto. Potevi essere al suo fianco se solo ti fossi impegnata un po’, e invece hai fatto la difficile. Dovevi guadagnartela la promozione.

E che ne è della tizia in crisi col marito che ti sarebbe stata tanto, tanto riconoscente se tu fossi stato così carino - e lungimirante - da accontentarla? Giusto. È dove dovresti essere anche tu, ma niente. Non sei sceso a compromessi.

Ma forse non è troppo tardi per recuperare. L’importante è rimettersi in gioco e darsi da fare. Te la senti di sudare sangue? Bene, allora basta mandare curriculum a destra e a manca! Smettila una buona volta di scorticarti le nocche a furia di bussare alle porte! Stai alla larga dalla gavetta! Stop alle telefonate, alle mail e ai colloqui!

Comincia guardandoti intorno. Magari la tua famiglia assomiglia ai Forrester che, italianissimamente, assume unicamente parenti legittimi e illegittimi, amici e voltagabbana senza qualifiche al solo scopo di far affondare la baracca e affogare i burattini il prima possibile.

16 commenti:

  1. ho un sassolino nella scarpa hai, che mi fa tanto tanto male hai...cantava rabagliati, once upon a time.
    dai forrester entrano cani e porci..che sia un lupanare?

    RispondiElimina
  2. chi è senza raccomandazione si tolga il primo sassolino dalla scarpa! ;)

    RispondiElimina
  3. E se persino Marcus, che manco era tanto convinto di voleci lavorare, è stato accolto a braccia aperte nell'azienda di famigghia -in barba a centinaia di laureati e laureandi in campo della moda che avrebbero fatto il diavolo a 4 per fare anche solo uno stage gratuito lì- direi che il teorema dell'italianità Forrester è più che dimostrato.

    RispondiElimina
  4. esatto. il suo colloquio era del tipo... non so fare niente, ma questo posto mi stimola. va vai cagare!!!

    sto guardando sanremo. alla faccia delle giovani proposte, ma meno paraculata è figlia di Zucchero.

    RispondiElimina
  5. Io, in uno dei sempre più rari zapping tv della serata casalinga (di solito monopolizzata da visioni "on-demand" provenienti dai meandri della rete), sono capitato per caso alla canzone di Masini. Artista che a me non dispiace poi tanto.
    Finita la canzone, stavo appunto per cercare complicità negli altri commensali sul fatto che non fosse così malaccio; ma quando ho messo a fuoco le loro sagome, stavano già a terra con le braccia sanguinanti e le lamette abbandonate ai lati.
    E lì ho capito che Bonolis (anche senza Laurenti, invero) è meglio se me lo continuo a godere su Youtube, o recuperando il podcast di "America me senti"...

    RispondiElimina
  6. masini non l'ho visto né sentito. ho "perso" anche altre esibizioni a dire il vero e quando c'è al bano non ce la faccio: cambio canale.

    ma ti dirò, a dispetto di quello che ha detto benigni - che mi ha fatto davvero ridere, finalmente! - la canzone della zanicchi non è brutta. ma è da berté o da pravo: non può cantarla lei e pretendere di essere credibile. non bastano il capello liscio biondo e il trucco nero pesante a trasformarti in una maledetta.

    povia non merita congiuntivi.

    bonolis non mi fa impazzire, però tiene botta. se improvvisa se la cava. se fosse riuscito a non cantare anche lui l'avrei apprezzato un po' di più.

    ma tornando all'argomento del post: vorrei davvero che qualcuno mi spiegasse perché le nuove leve - che erano poi quelle che mi interessavano di più - hanno cantato tutte solo la propria canzone, ciascuna accompagnata dal rispettivo mentore, e la figlia di zucchero ha cantato col paparino&co. per venti minuti dilettandosi in una performance che agli altri è stata vietata o cmq non concessa.

    RispondiElimina
  7. http://www.youtube.com/watch?v=BOVP5EkuHJA

    RispondiElimina
  8. molto bravo mastrandrea, mi piace. sto pezzo, non so, un po' retorico forse. sì, un po' sì.

    RispondiElimina
  9. E' vero, che poi la sua è stata la seconda (e per ora, ultima) esibizione che ho visto quest'anno.
    Ieri, quando l'ho beccata, avevo pensato: che figata, le nuove proposte quest'anno cantano con dei grandi della musica italiana!
    Ma a quanto pare, è stato solo un privilegio isolato....

    RispondiElimina
  10. in realtà hanno cantato tutti con dei mostri sacri - o mostri e basta - ma la zuccherina invece di cantare SOLO la sua canzone ha accompagnato con la voce tutti i pezzi dei suoi protettori... gli altri no!

    RispondiElimina
  11. Ah, ok. Adesso mi è tutto più chiaro.
    E il parallelismo Sanremo LosAngeles è ancora più spudorato...
    ;)

    RispondiElimina
  12. ma che pesantezza non è beautiful in questo periodo...non si regge!!!!
    per fortuna che ci sono i tuoi post a rallegrare la situazione :-)

    ciao giustyyyy
    sara

    RispondiElimina
  13. mamma mia, davvero: sono mesi che qualcuno è in punto di morte... ma sento che ne siamo quasi fuori!

    RispondiElimina
  14. Hi hi hi hi hi hi!

    (risatina beffarda e complice di chi ha sbirciato su Youtube le prossime vere tragedie Forrester)

    RispondiElimina
  15. oh, no. non dirmi niente. ok, dimmelo. no, non dirmelo. vabbè, giusto una cosetta. no, no, niente. zitto, zitto!!!

    RispondiElimina
  16. fiore di cactus24 febbraio 2009 15:31

    nik dice a brooke: katie mi ha aperto il suo cuore.
    solo il cuore o qualchecos'altro?

    RispondiElimina

Dimmi