Cosa cerchi?

giovedì 29 gennaio 2015

GELOSE 2.0



La gelosia femminile si sta evolvendo. Quella che creava risse, omicidi passionali, avvelenamenti, piazzate per la strada, unghiate, morsi e piatti rotti, la “bassa” gelosia, insomma, non è più abbastanza chic. È da sottosviluppate. La donna è un animale bizzarro. Naturalmente predisposta all’evoluzione come e più dell'uomo, è però incline alle evoluzioni ad alta quota: la scia di profumo d'un tempo (mughetto, cannella e vaniglia) è stata surclassata da una scia chimica. Tossica qb. Pur accorgendosi di tutto, invece di compromettere la sua classe, la gelosa 2.0 preferisce prendersi il tempo che occorre per coltivare nuove e affascinanti nevrosi, e per oliare gli ingranaggi di malattie psicosomatiche innovative e di tendenza. Bruxismo. Colite. Stomatite. Gastrite. Allergia. Intolleranze alimentari. Gonfiore. Colleziona le figurine e si scambia i doppioni con le amiche via WhatsApp. La gelosa 2.0 ci vede come un’aquila, ma indossa occhialoni con la montatura scura da talpa. Per sembrare ipovedente e carina. Anche se è un maledettissimo radar. Scannerizza l'ambiente attorno al suo uomo individuando l'artista, la radical chic, la collega, l'allieva, la vicina di casa, di ombrellone, di poltrona nel multisala o di asciugamano in spiaggia con una sola occhiata, e alla velocità della luce. In un attimo sa se la civetta di turno ha trascurato tot peli da ics centimetri di pelle, se ha residui di cibo fra gli incisivi, se porta scarpe ortopediche o da vacca, se ha l'apparecchio ai denti, il push-up o la forfora. Il suo rilevatore di imperfezioni è infallibile, e lei nota, annota ed elenca alla prima occasione. La gelosa del 2015 sa sempre quando e da quanto è cornuta, ma si ostina a credere e a far credere agli amici di avere il pieno controllo della situazione. Perché, non reagire, ponderare, respirare, non azzannare e somatizzare è un comportamento adulto. Di origine protetta. Come il caciocavallo silano. Ritenendolo (facile) vittima delle malìe femminili, la gelosa 2.0 non se la prende mai col suo uomo, lei se la prende con la strega. La brucerebbe sul rogo, la stronza, ma per uscirne a testa alta, ne diventa la migliore amica. Per tramortirla di cicchetti avvelenati durante un pigiama party “riservato alle ragazze”. Per postare le foto della sua cellulite o la sua ricrescita di capelli bianchi su FB. La gelosa 2.0 fa paura. Purtroppo solo alle donne. 

4 commenti:

  1. è una domanda trabocchetto, vero? ;)

    RispondiElimina
  2. Diciamo che sei una buona osservatrice. L'uomo geloso, invece, com'è?
    Lo immagino più o meno tontolone come me e, bazooka in mano, pronto a vendicare il suo onore ferito. Una specie di Rambo, insomma.

    RispondiElimina
  3. ottima risposta. :)
    l'uomo geloso com'è? in genere... brutto.

    RispondiElimina

Dimmi