Cosa cerchi?

sabato 31 maggio 2014

Una Brutta Storia

Probabilmente, questa storia ha atteso troppo. Ma ha avuto le sue ragioni. Adesso, però, non può più aspettare. Puzza troppo. 

Le foto che sto per caricare mi fanno un gran male al cuore. Amo il paese nel quale sono cresciuta: lo sento mio, qui mi sento a casa. Tranne quando vedo una ragazza che abbassa il vetro della macchina per buttare un pacchetto di sigarette accartocciato in strada. O quando faccio notare a un ragazzino che "gli è caduto" per terra il fazzoletto col quale si è soffiato il naso, e quello mi guarda come se gli avessi detto cokmndgugntguhgpo. O quando mi sdraio al mare per prendere il sole e, dagli scogli, invece dell'odore della salsedine sale tanfo di piscio e di mozziconi spenti. O come ieri, quando ho visto un tizio lanciare una busta di immondizia in un bidone (che ha ovviamente mancato) dall'auto in corsa. Oppure come un'ora fa: mi sono fermata davanti a dei bidoni della raccolta INDIFFERENZIATA (che al Sud sono normalmente sparpagliati attorno a tutto il paese, in zone magari non centralissime, ma assolutamente abitate) strabordanti, luridi, mezzi bruciati e fetenti per scattare altre foto. Accanto a me si è fermata una macchina: ne è uscito un giovane uomo che ha preso un grosso bustone nero e lo ha lanciato in uno dei bidoni. Fra contenitori di polistirolo che fino a stamattina avevano contenuto del pesce e che ora puzzano di cadavere. Fra potature. Lattine. Fili elettrici. Vernici. Cassette e frutta marcia. Gli stessi maledetti bidoni anacronistici che nelle ultime settimane hanno fatto da cornice a: un frigorifero, un paio di divani, un water, giocattoli rotti, tubi dell'aria condizionata, lastre di compensato, rotoloni di plastica, tavolini, televisiori, damigiane, vetri in frantumi, chiodi, un materassino, un dondolo e poi mosche, zanzare, scarafaggi e, temo, ratti. Ho la fobia dei ratti, io. 

" Ma certo" gli ho detto, "tanto c'è un sacco di spazio, aggiungici anche la tua immondizia". Lui mi ha guardata di traverso e mi ha risposto: "Non è certo colpa mia". "No, è solo buon senso", gli ho risposto io. Lui si è infilato in macchina. C'era una signora incinta seduta nel posto del passeggero. 

Quel bambino ha un roseo futuro davanti a sé.

Purtroppo ho tantissime foto. E mi sto muovendo. Mi informo. Sto cercando di capire come risolvere questa cosa. Sto conoscendo belle persone, che si impegnano per migliorare la situazione. Che si appostano, che rischiano le botte e che si prendono gli insulti dei pescivendoli. Per ora, la soluzione più immediata e forte sembra essere il web. La famigerata Rete. Bisceglie pulita sarebbe davvero, davvero meravigliosa. Ma moltissimi biscegliesi sono convinti di vivere ancora negli anni Cinquanta, anche quando cinquant'anni non li fai nemmeno se ne sommi due. O tre. O magari quattro. I biscegliesi hanno le case più pulite d'Italia e le strade sporche di merda. Sì, a sto giro io mi tiro fuori. Sono stata educata diversamente. E so chi ringraziare.







Random...

















(Continua...)

4 commenti:

  1. titti ponticelli31 maggio 2014 07:39

    Tesoro, hai perfettamente ragione ma purtroppo im alducati ci saranno sempre,mettete telecamere e multateli, solo toccati nel portafoglio QUALCHE VOLTA imparano a migliorare ma non pensare che qui sia molto diverso, qui danno la colpa agli extacomunitari per
    scaricarsi la coscienza.

    RispondiElimina
  2. ma i tanti cittadini non guardano per terra...forse hanno gli occhi rivolti al cielo..sperano nelle grazie...e non guardano lo sporco e se...putacaso lo dico....mi guardano come se fossi una pazza!!! aggiungo che gli operatori ecologici non hanno le scope....quelle che buttiamo diventano ottime per il loro servizio!!! ma in compenso abbiamo messo i ciottoli alla spiaggia del salsello e abbiamo la raccolta differenziata che se pochi mesi fa era per le strade..ora sta nei condomini!!! cambiata e' la situazione..o no???

    RispondiElimina
  3. amiamo noi stessi =amare tutto ma tutto anche l'asfalto che calpestiamo che anche se nero ci permette di camminare comodi a piedi e in macchina,,,,

    RispondiElimina
  4. la visione risparmia dal puzzo di URINA, scarafaggi, mosche e ZOCCOLE che incutono terrore ai gatti del quartiere. basterebbe posizionare una video camera e multare i trasgressori. basterebbe il ricavato ad alleggerire dalle tasse i cittadini, cornuti e mazziati. ultima spiaggia STRISCIA LA NOTIZIA, se disperati ci butteremo nella bolgia dei MEDIA

    RispondiElimina

Dimmi